Il progetto di fusione fra Moby e Cin-Tirrenia va fermato. Ne sono convinti i commissari della bad company, dal 2012 al lavoro per ripagare i circa 800 milioni di debiti lasciati dalle dissennate gestioni dell’epoca precedente la cessione degli asset della compagnia marittima di bandiera alla Cin del gruppo Onorato (Moby). Il giurista Bruno Inzitari […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Costruzioni, senza le varianti facili i big del cemento affondano. A rischio cantieri per 10 miliardi

prev
Articolo Successivo

Una bomba alle 4 di notte. Salta l’auto di un carabiniere

next