“Scippo al Coni”, “ruspe al Coni”, “Sport occupato”: sono i titoli e i commenti che accompagnano il lento varo di una riforma del governo che mira a sottrarre al Comitato olimpico – e dunque a Giovanni Malagò – la distribuzione di circa 410 milioni di euro all’anno tra le decine di federazioni sportive del Paese. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Il blitz della Lega per favorire i balneari

prev
Articolo Successivo

“Votavo FI, voglio il condono e sto con Minniti alle primarie”

next