Alla fine, nella favola La volpe e l’uva, successe che Michele Uva, rampantissimo funzionario del Palazzo del pallone italico, dopo aver pensato a lungo di essere la volpe scoprì di colpo di essere, per l’appunto, solo Uva. Così è. Non sarà un gran compleanno, il 54°, quello che l’ex direttore generale della Figc, nonché vicepresidente […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Università, non sarà la meritocrazia a salvare gli atenei italiani

prev
Articolo Successivo

In quel deposito riqualificato i giovani trovano il futuro perduto

next