Se Dominique Velati, l’infermiera di Borgomanero che decise di andare a morire in Svizzera (e di cui Il Fatto ieri ha pubblicato le ultime parole, ndr), non si fosse ammalata di quel mostro che le aveva diffuso metastasi ovunque, e che l’ha portata via tre anni fa, ieri ci sarebbe stata anche lei in piazza […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Da quale pulpito viene il “bipolare”

prev
Articolo Successivo

“La solidarietà è un dovere e i reati non hanno colore”

next