Una grande famiglia di imprenditori, mecenati, sponsor di squadre sportive e celebrati dai media. Una notorietà guadagnata anche grazie all’immagine anticonformista del marchio, costruita con campagne pubblicitarie che sui quei media riversano decine di milioni di euro l’anno. Ma la realtà industriale del gruppo Benetton da diversi anni è meno colorata e fantasiosa di quel […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Gad Lerner: “Sono un radical chic, amico di De Benedetti. Il Pd non ripartirà da quelli come me”

prev
Articolo Successivo

Servizi segreti, Salvini licenzia i due capi di Aise e Dis

next