Era il braccio destro di Giacomo Maria Ugolini, potentissimo massone ma quando questi muore, nel 2006, Cosimo Virgiglio, detto Mino, nato a Rosarno (Reggio Calabria), chiede protezione alla cosca calabrese dei Molè. E lì cominciano i suoi guai. Oggi 52enne, uno dei più credibili collaboratori della Procura di Reggio Calabria, Virgiglio è stato arrestato nel […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Un viceré in colonia, così S. E. il Prefetto esplora la Sardegna

prev
Articolo Successivo

Tiziana, gli scambisti e il “gioco” dei video hard finito in tragedia

next