Filo spinato. Da un lato scudi di ferro della polizia. Dall’altro barricate, striscioni, volti arrabbiati della protesta. Per disperderla scie di lacrimogeni nel cielo bianco del Caucaso del sud. C’è già sangue: i manifestanti, se non vengono trascinati via dalle divise, rimangono feriti sul cemento di piazza di Francia, Erevan. In Armenia “la situazione è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Parigi chiama: l’Unione fa la forza contro i populismi

prev
Articolo Successivo

Festival trendy ma “sessista”: fobia #Metoo al Coachella

next