È il bello degli scoop: puntano i riflettori su un caso e spingono a indagare su altri. Così, dopo il datagate di Facebook, l’attenzione sulla questione privacy fa affiorare nuovi problemi e dà loro risonanza. Nei giorni scorsi un gruppo di ricercatori ha rilevato possibili violazioni del regolamento sulla privacy dei bambini delle app disponibili […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il vescovo di strada dai rossi. “Cerchiamo ciò che unisce”

prev
Articolo Successivo

Nuova strategia della tensione? Questa Italia ha insegnato a non stupirsi di nulla

next