Il caso

Martina s’offre a Di Maio, ma fuori tempo massimo

Tentativi falliti - Nella notte il reggente dei dem fa sapere al leader del M5S la disponibilità a votare con loro sulle Camere. Risposta: “Troppo tardi”

25 Marzo 2018

“Luigi, se voi siete disponibili a votare dei candidati con noi, noi ci siamo”. A un certo punto della notte tra venerdì e sabato, mentre sembrava che il centrodestra si rompesse, Maurizio Martina, segretario-reggente del Pd, ha fatto recapitare un messaggio simile al leader M5S. “È tardi. Siamo già d’accordo con Salvini”, ha risposto, nella […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 11,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.