Giornata cruciale ieri per Theresa May a Bruxelles per “ammorbidire” i leader europei. I negoziati della Brexit sono bloccati sull’assegno di divorzio: May offre 20 miliardi, Bruxelles ne vuole almeno 50 o 60. Il Regno Unito non vuole impegnarsi prima di definire gli accordi commerciali, l’Ue non parla di accordi prima di avere la “firma” […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il curdo utile è quello che muore

prev
Articolo Successivo

Teatro Rossi Aperto, la partecipazione contro i “non luoghi”

next