Personaggi legati all’Eni hanno ordito un “depistaggio” per indebolire l’inchiesta milanese sull’Eni. Parliamo dell’inchiesta sull’ad Claudio Descalzi, il suo predecessore Paolo Scaroni, entrambi accusati di corruzione internazionale per l’acquisizione del giacimento nigeriano Opl 245. È un’accusa gravissima. La pm Laura Pedio ipotizza che il “depistaggio” puntasse anche a screditare i consiglieri indipendenti della società petrolifera […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

L’inchiesta sul contratto

prev
Articolo Successivo

Carceri sovraffollate e maltrattamenti. Strasburgo boccia (ancora) l’Italia

next