La tortura del clacson. Giorno e notte. Migliaia di volte. Auto, camion, autobus: a Roncolevà (frazione di Trevenzuolo, Verona) chi passa davanti alla casa che ospita i migranti suona. “Non si può dormire, pensare o parlare”, dicono i ragazzi africani cotti sotto il sole a 38 gradi nel villino che li ospita. Questa costruzione marroncina che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Ong, la mescolanza del bene con il male

prev
Articolo Successivo

“Parlano tutti di sicurezza, sarà il tema decisivo”

next