Il 7 febbraio 2014 un artigiano della provincia di Belluno denuncia alla Vigilanza della Banca d’Italia che, avendo chiesto un prestito alla Popolare di Vicenza, l’erogazione del finanziamento era stata “subordinata all’acquisto di azioni della Banca”. Aggiunge l’onesto signore, che sarà infatti trattato dalla Banca d’Italia come vedremo: “Subito non ci volevo credere, poi mi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La cattiveria 0608

prev
Articolo Successivo

Tracolli miliardari all’insaputa dei vigilantes: vedono solo ciò che i banchieri confessano

next