Lady Diana, ossessione nazionale. A pochi giorni dal ventesimo anniversario della morte, il 31 agosto del 1997 a Parigi, riparte la ben oliata macchina della memoria. Macchina da soldi, ma anche potente catalizzatore delle emozioni più profonde di un intero popolo. Diana Spencer è stata questo: copertina best seller di decine di tabloid popolari, oggetto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Fuga dalla Costa Azzurra, 12 mila evacuati

prev
Articolo Successivo

Il mio esordio pecoreccio nel mondo del sesso

next