Al Cairo

Egitto, dove si contano cinque. Regeni al giorno

Chiunque si oppone ai militari, finisce in carcere, o sparisce: è noto a tutti. Ogni cosa è sotto controllo, e non ci sono regole certe, vince solo la perenne e diffusa paura

10 Luglio 2017

Chiunque si oppone ad al-Sisi, qui, finisce in carcere, o sparisce: è noto a tutti. Ma è come se fosse normale. Gli ultimi studi dei centri di ricerca internazionali sono vecchi di anni. Non si trova più neppure la Lonely Planet. L’Egitto, in questo momento, non interessa a nessuno. Turisti, analisti, giornalisti: sono andati via […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.