“Loveless”, il cuore perduto della Russia neoliberista

Il film di Andrey Zvyagintsev racconta la scomparsa del bambino di una coppia che divorzia, ma sullo sfondo c’è una grande terra che ha perso la sua anima

Una coppia che divorzia, un ragazzino che sparisce, un paese che si sgretola, una terra carica di storia che sembra aver perso non solo la sua identità e la sua anima, ma ogni possibile sogno di grandezza. Benvenuti nell’inferno di Loveless (Senza amore), diretto dal grande Andrey Zvyagintsev di Il ritorno e di Leviathan, un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.