Caro Furio Colombo, sappiamo tutti di una strage di civili, soprattutto bambini, una condanna a morte collettiva col gas nel Nord della Siria. Qualcuno ha obiettato? Nicola   Si sta formando un mondo a diversi strati, in cui omicidio, persecuzioni, uso di armi proibite e stragi contano di più, di meno o niente, a seconda […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“È ora che i leader decidano se riformare l’euro o romperlo”

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Beppe Mora

next