Larresto del blogger, attivista – nonché autocandidato alle presidenziali del prossimo anno in Russia – Alexei Navalny e di almeno un centinaio di manifestanti, non sembra essere riuscito a impaurire buona parte della cosiddetta generazione P., quella dei nati nel 1999, quando Putin fu scelto da Yeltsin per diventare primo ministro della Federazione. Ieri, infatti, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Arnone con Emiliano: “Ma via Crocetta”

prev
Articolo Successivo

La figlia del boss si uccide a 25 anni: “Non sopportava la famiglia mafiosa”

next