I contatti e le frequentazioni con un imprenditore ritenuto di riferimento del clan dei Casalesi non furono “consapevoli” e l’imprenditore in questione non fu beneficiato di appalti all’Asi (Consorzio per le Aree di sviluppo industriale) di Caserta, come in un primo momento ipotizzò la Procura. Con queste motivazioni, il gip di Napoli Egle Pilla ha […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)