Il premier dimissionario Matteo Renzi non scioglierà mai la Regione Abruzzo, come non lo ha fatto negli anni passati quando era saldo in sella. E i motivi ci sarebbero visto che la Corte dei Conti regionale ha bocciato la gestione economica dell’ente, denunciando comportamenti omissivi, ritardi, violazione di norme e inadempimenti contabili: caratteristiche che continuano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)