Auna settimana dalla presentazione della Nota di aggiornamento al Documento di economia e finanza, l’Istat rimescola le carte dei conti economici nazionali. Se fino a ieri eravamo convinti che nel 2014 fossimo ancora in recessione (-0,3%), ora sappiamo che, in realtà, nel primo anno dell’era Renzi, il Pil è più alto di 8,5 miliardi di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Renzi scontenta il Colle. E va al flop Philip Morris

prev
Articolo Successivo

Canone Rai, il caos dei dati: una raccolta modesta in vista

next