Vent’anni fa moriva Antonio Cederna, uno dei grandi capostipiti del movimento ambientalista italiano. Per quasi mezzo secolo si era battuto contro il sacco urbanistico delle città, contro la cementificazione forsennata del territorio, per la difesa del paesaggio e del patrimonio culturale. L’ha fatto da grande giornalista scrivendo sul Mondo, su l’Espresso, sul Corriere della sera, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Legnini, la stampa e il ruolo dei giudici

prev
Articolo Successivo

Dite a Bertolaso che le poltrone le ha già perse tutte

next