In Etruria una “regia” per piazzare i bond a clienti ignari

Perquisita la sede. L’input quando papà Boschi sedeva nel cda: “Venduti come promozioni a persone inconsapevoli dei rischi”

10 Maggio 2016

La vendita di obbligazioni subordinate a risparmiatori privi di requisiti idonei sarebbe stata decisa da una “regia” in seno ai vertici dell’istituto di credito. Ipotesi già avanzata nei mesi scorsi dalla Procura di Arezzo e che ha trovato conferma dalla documentazione acquisita nel corso delle perquisizioni. Ieri, gli uomini della Guardia di Finanza sono entrati […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.