» Cronaca
giovedì 21/09/2017

Roma, i pm: da archiviare tutte le accuse a Woodcock

La richiesta dei magistrati è pronta e verrà inoltrata al gip che deciderà
Roma, i pm: da archiviare tutte le accuse a Woodcock

La richiesta di archiviazione è stata scritta. I magistrati romani hanno deciso di chiudere così la vicenda del pm napoletano Henry John Woodcock indagato a Roma per concorso in falso e rivelazione di segreto d’ufficio. Nei prossimi giorni la richiesta sarà inoltrata al gip.

Erano due le accuse mosse al magistrato napoletano. Il primo reato contestato era la rivelazione di segreto d’ufficio per la fuga di notizie realizzata con l’articolo del Fatto che svelava l’inchiesta Consip il 21 dicembre 2016 a firma Marco Lillo. Seguono altri due scoop, sempre di Lillo: il 22 dicembre, Il Fatto scrive del comandante generale dell’Arma dei carabinieri, Tullio Del Sette, indagato per rivelazione di segreto in un filone dell’indagine e il giorno successivo viene rivelata anche l’iscrizione per lo stesso reato del ministro dello Sport, Luca Lotti. Secondo l’iniziale impostazione della Procura, il pm napoletano avrebbe passato, attraverso la conduttrice di Chi l’ha visto?, Federica Sciarelli, notizie a Lillo. Il vicedirettore del Fatto ha sempre negato questa circostanza. Anche Federica Sciarelli è stata indagata per rivelazione di segreto e anche per lei è stata scritta una richiesta di archiviazione.

Woodcock, quando è stato interrogato a Roma il 7 luglio, ha spiegato che non poteva essere lui l’informatore del Fatto. Secondo quanto riportava ieri La Stampa, il pm avrebbe detto che quando il 20 dicembre Lillo scriveva l’articolo, lui si trovava a Napoli: è arrivato a Roma solo alle nove di sera. Nella capitale avrebbe incontrato Giampaolo Scafarto (il maggiore indagato per falso e rivelazione di segreto) in un bar in piazza Irnerio. Qui gli fu raccontato che l’ex amministratore delegato di Consip Luigi Marroni aveva iniziato a parlare. A questo punto andarono nella sede del Noe e continuarono l’interrogatorio. “Se il giornalista – avrebbe detto Woodcock ai pm – sa tutto in tempo reale, la fonte non sono io”.

Il magistrato partenopeo è stato indagato anche per concorso in falso con Scafarto in relazione alla parte dell’informativa depositata il 9 gennaio scorso che riguardava la presenza di Servizi segreti durante alcune attività di indagine. Sempre il 7 luglio, ai pm di Roma, il magistrato partenopeo ha spiegato che suggerire alla polizia giudiziaria di riportare in un apposito capitolo delle loro informative fatti e vicende specifiche connesse all’indagine madre è una normale prassi investigativa. In sostanza ha detto che fu lui a consigliare a Scafarto di fare un capitolo dell’informativa apposito sui Servizi segreti ma non poteva sapere che gli accertamenti fatti avevano escluso la presenza di 007 mentre i carabinieri del Noe recuperavano la spazzatura nella sede della Romeo Gestioni.

Insomma, per il pm era impossibile controllare migliaia di pagine di intercettazioni e accertamenti degli investigatori. La versione del magistrato, insieme agli ulteriori accertamenti della Procura, hanno convinto i pm romani, decisi a chiedere l’archiviazione.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca
L’erede Savoia

Vittorio Emanuele condannato a 2 anni per calunnia

Vittorio Emanuele di Savoia è stato condannato a due anni di carcere con pena sospesa. È la sentenza arrivata, con rito abbreviato, nel processo che vedeva il figlio dell’ultimo re d’Italia imputato per calunnia nei confronti di Birgit Hamer, sorella di Dirk, il giovane deceduto nel 1978 a seguito di un colpo d’arma da fuoco per il quale fu indagato, e poi prosciolto, lo stesso Savoia. Vittorio Emanuele di Savoia aveva accusato la Hamer di diffamazione per quanto da lei scritto nel libro Delitto senza castigo, nel quale attribuiva a Savoia il ferimento del giovane. Per il giudizio sono state decisive le esternazioni di Vittorio Emanuele intercettate nel carcere di Potenza (dov’è stato rinchiuso per 7 giorni per l’inchiesta Vallettopoli dalla quale è stato poi prosciolto): con il suo compagno di cella aveva ammesso il reato sostenendo di aver “fregato” i giudici.

“Questo è un riconoscimento alla verità e alla giustizia – ha commentato Birgit Hamer dopo la sentenza – non ho mai cercato vendetta ma solo giustizia. Ho cercato un riconoscimento ufficiale della verità per quasi quarant’anni”.

Cronaca

Cazzullo, al Tg1 i figli so’ piezz’e marchetta

Mondo

Rajoy oltre la linea rossa: “prigionieri politici” e Franco

Santa Croce spia del degrado
Cronaca
La lettera

Santa Croce spia del degrado

di
Sfregiò la Miss con l’acido, condannato a 10 anni. Lei: “Non conta, mi ha rovinata”
Cronaca
Gessica Notaro - “In tribunale l’ho rivisto: provo indifferenza”

Sfregiò la Miss con l’acido, condannato a 10 anni. Lei: “Non conta, mi ha rovinata”

Graviano: “Non rispondo”. Resta il mistero: chi è “Lui”?
Cronaca
Stato-mafia - Le intercettazioni col detenuto Adinolfi

Graviano: “Non rispondo”. Resta il mistero: chi è “Lui”?

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×