» Italia
venerdì 01/09/2017

Loft, la nostra televisione che punta sul futuro

Dal 3 ottobre - Presentata a Marina di Pietrasanta l’ultima nata in casa Fatto Quotidiano. Tra giornalismo, satira e webstar

Il countdown della tambureggiante “Lofter Night”, la prima di una serie, è partito ieri sera alle 20.00 al Parco la Versiliana di Marina di Pietrasanta. Sold out! Oltre 2500 persone in piedi e urlanti che hanno seguito dal vivo e sui maxi-schermi lo spettacolo live di lancio della piattaforma televisiva Loft della società Editoriale il Fatto. In onda dal 3 ottobre sull’app dedicata e su www.iloft.it Tantissimi quelli che si sono collegati alla diretta su Facebook per seguire e condividere i video, clic dopo clic, sulla pagina www.facebook.com/iloft dell’evento. La star del web Gordon ha aperto lo show lanciando la sigla di apertura dell’applicazione Loft. Una clip in cui un drone, in una suggestiva luce serale, sorvola Roma e si avvicina a un bellissimo stabile vicino alle affascinanti rovine di Caracalla.

La steadycam svela lo svolgimento di un party all’interno, appunto, di un Loft. Il direttore del giornale di via Sant’Erasmo, Marco Travaglio, dialoga con Sabina Guzzanti. Il giornalista e scrittore accenna a quello che sarà il suo atteso programma, Balle Spaziali. Quelle che spara ogni giorno l’informazione, la politica, l’imprenditoria. Senza assoluzioni per nessuno. La regista e attrice rincalza sul giornalismo troppo spesso prono ai potenti. Lei sarà infatti “l’anchorwoman”, e tanto altro, del telegiornale satirico TgPorco nel Loft. Poi le telecamere passano a inquadrare il direttore de ilfattoquotidiano.it Peter Gomez, altra firma e volto di punta della nuova piattaforma. La Confessione è il nome del format che lo vedrà anche tra gli autori. E di lì via via si svelano i volti anche di Marco Lillo e Andrea Scanzi; Sekret e The Match, i loro rispettivi programmi. Inchieste e dibattiti serrati. Ma non è tutto. Selvaggia Lucarelli con Opinionleader (cercasi), Barbara Alberti con Diavoli, Vittoria Schisano, Rosita Celentano saranno le altre protagoniste e regine dell’intrattenimento. A Gianfranco Vissani invece, genio burbero della cucina, il compito di preparare i piatti prelibati per gli inquilini e gli ospiti del Loft.

E, vista la sua esuberanza, di provocarli nel suo Cavoli a merenda in coppia con la figlia del Molleggiato. A chiudere la clip c’è Cinzia Monteverdi, amministratore delegato del Fatto, direttore editoriale di questo nuovo e impegnativo progetto che nel finale delle sigla annuncia: “Nel Loft saremo liberi di fare un po’ di tutto”. Matteo Maffucci, “il cinquanta per cento degli Zero Assoluto”, così viene definito ironicamente sul palco, è il mattatore invece della ‘banda’ di influencer e webstar della scuderia della One Shot Agency che daranno vita a Lofter, spazio che vorrà valorizzare la pluralità di linguaggi multimediali usati oggi dalla rete. La giovanissima Elisa Maino, diva su Musical.ly e poi gli youtuber Giacomo Hawkman e Anthony IPant’s, i pranker The Fools, Federico Palmaroli de Le più belle frasi di Osho solo per citarne alcuni, saranno i protagonisti che si avvicenderanno per ingrandire la vastissima platea di “fan” digitali e fare così il pieno di like, condivisioni, retweet e followers. Così da creare una interazione sempre più forte tra internet e contenuti video di maggiore qualità e spessore. Spessore che troveremo anche nei cortometraggi coprodotti dalla Loft produzioni. Il Passo del regista italo/egiziano Mohamed Hossameldin, a Venezia il prossimo 8 e 9 settembre e Prima che il Gallo canti di Cosimo Damiano Damato, dedicato alla figura dello scomparso don Andrea Gallo, al rapporto del sacerdote di strada con la musica e i grandi cantautori italiani (da Vasco Rossi a Guccini) e questi, a loro volta, con la fede.

Una serie di format ai quali se ne aggiungeranno altri nel corso del tempo. Come le finestre live dedicate a un giornalismo che vuole uscire dai canoni classici della tv o gli spettacoli teatrali, come Slurp con Travaglio e Giorgia Salari, le sit-com, i documentari, i reportage. Intanto nella neonata fatcory di via Sant’Erasmo si procede alla pubblicazione delle anticipazioni su Facebook e nei prossimi giorni anche su www.iloft.it E in un video che rimbalza su tutti gli schermi allestiti per la seguitissima kermesse in Toscana de Il Fatto, i protagonisti di Loft affermano: “È una figata pazzesca”; “creatività senza briglie”; “un delirio”. Lo stesso del pubblico giovane assiepato alla Versiliana che ha applaudito il lancio di Loft e si è fatto trascinare dalla musica di Ghali, Capo Plaza, Bugo e Achille Lauro in una moderna esperienza di emozioni e suoni.

————————————————————–

Tanti i protagonisti del nostro Loft a partire dai giornalisti del Fatto Quotidiano e anche tanti personaggi del mondo spettacolo. Saranno con noi anche giovanissimi webstar della rete che ci aiuteranno a comunicare con un mondo di giovani che vive nella rete e che vogliamo scoprire e portare con noi nel nostro percorso. La linea editoriale del Loft è molto semplice: intrattenere con contenuti di qualità.

TRA LE PRODUZIONI DI LOFT

BALLE SPAZIALI con Marco Travaglio

LA CONFESSIONE con Peter Gomez

THE MATCH con Andrea Scanzi

CAVOLI A MERENDA con Rosita Celentano e Gianfranco Vissani

DIAVOLI con Barbara Alberti

SEKRET con Marco Lillo

LOFTER con Matteo Maffucci

TgPORCO NEL LOFT con Sabina Guzzanti

OPINION LEADER (cercasi) con Selvaggia Lucarelli

LE STANZE DI VITTORIA con Vittoria Schisano

CANI SCIOLTI con Mimmo Calopresti e Alessandro Ferrucci

*Project manager di Loft

© 2009-2017 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Mondo

Caos Harvey, esplode centro chimico

Società

“Chi rompe, non paga e siede al Governo”

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×