“Zingari inquietanti e pericolosi”: il razzismo dei tradizionalisti

La propaganda della destra cattolica su questa “presenza errabonda e sgradevole” nella nostra società

Nell’infame e tragica èra nazifascista, il razzismo antisemita si divideva in due categorie: quello biologico e quello spirituale. Quest’ultimo, nonostante le leggi razziali, è stato invocato spesso dai difensori del regime del Duce come attenuante rispetto al razzismo biologico propugnato dai nazisti. Chissà perché ma queste orride sottigliezze di un tempo – del resto il […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.