Un Nobel al servizio della storia

Abbiamo abitato nella stessa strada, a New York, e siamo andati ogni anno insieme a Parigi (quasi sempre in dicembre, quasi sempre nell’aula grande dell’Unesco), dove ci aspettavano Umberto Eco, Jorge Semprún, Toni Morrison, Wole Soyinka, Jacques Le Goff, Luciano Berio e gli altri membri della Académie universelle des cultures, che Elie Wiesel aveva fondato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.