Terroristi o eroi, le mille battaglie dei curdi

Dopo l’attentato - Ankara accusa il Pkk ma dietro il blocco etnico non c’è una sola ideologia
Terroristi o eroi, le mille battaglie dei curdi

Il giorno dopo l’attentato che ha sconvolto ancora una volta Ankara, tutti puntano il dito sul Pkk. Fin dalle prime ore dopo l’attacco la Reuters aveva riportato le parole di un funzionario della pubblica sicurezza che indicava proprio il Partito dei lavoratori del Kurdistan come responsabile dell’attentato che ha ucciso oltre 30 persone e ne […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.