Sisma, l’ultimo corpo è di un rifugiato afghano ad Amatrice

Sisma, l’ultimo corpo è di un rifugiato afghano ad Amatrice

È di un giovane rifugiato afghano l’ultimo corpo estratto dalle macerie ad Amatrice. Si chiamava Sayed ed era rimasto sepolto sotto i resti della casa nella quale si trovava al momento del terremoto del 24 agosto. Stando a quanto reso noto dai vigili del fuoco, il suo cadavere era stato individuato già domenica sera, ma […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.