Sirte liberata dall’Isis, e Putin sogna Bengasi

Ultime resistenze nella città occupata dai jihadisti nel 2015, ma il Paese resta spaccato e Haftar guarda a Mosca
Sirte liberata dall’Isis, e Putin sogna Bengasi

Doveva essere una operazione di un paio di settimane, grazie ai raid aerei americani. Invece in Libia, per sbattere fuori l’Isis da Sirte – la città che si affaccia sul golfo di Sidra – ci sono voluti sette mesi. E il lavoro non è finito; agli annunci apparsi sui social delle truppe che rappresentano il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.