Sempre meno gli italiani, soprattutto i meridionali: il deserto avanza a Sud

Secondo l’Istat tra il 2045 e il 2065 molte zone del Mezzogiorno sono destinate a un progressivo spopolamento

Siamo di meno. Siamo sempre più vecchi. E si spopola il Sud. Nei prossimi quarant’anni (tra il 2045 e il 2065) sei milioni e mezzo di italiani mancheranno all’appello dell’anagrafe e la quota di ultrasessantacinquenni sarà del 34 per cento. Pochi dunque, acciaccati e desolati. In un deserto chiamato Sud. È uno studio dell’Istat e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.