Rohingya, cannonate dal Nobel per la pace

Scontro etnico - Milizie opposte alle forze del governo di Aung San Suu Kyi, 100 mila civili in trappola
Rohingya, cannonate dal Nobel per la pace

Dopo il crescendo di vessazioni brutali perpetrate negli ultimi cinque anni dai seguaci del monaco buddista birmano Ashin Wirathu, fondatore del movimento più nazionalista-religioso del Myanmar, i musulmani Rohingya ora si trovano sotto le cannonate dell’esercito del Paese guidato dal Nobel per la pace Aung San Suu Kyi. Lo ha riferito l’agenzia France Presse dal […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.