Renzi, Napolitano, il “braccio di ferro” e le scalate

Tra una “accozzaglia” e l’altra (Renzi si è scusato ma palesemente solo della parola, non di ritenerla tale), davvero bene ha fatto ieri qui il Direttore a commemorare gli ultimi vent’anni, a fare memoria insomma: non siamo tutti uguali, rispondiamo dei nostri atti, delle nostre parole e della nostra faccia, non si può arronzare un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.