Regeni, l’amor patrio sacrificato al soldo

Nel giugno 1940, quando le sorti del conflitto mondiale brutalmente perseguito dall’asse del male nazi-fascista piegavano pericolosamente a favore degli aggressori e il destino delle forze alleate sembrava irreparabilmente compromesso, Winston Churchill, da poche settimane insediatosi a capo del governo britannico, pronunciò un discorso rimasto scolpito nella memoria delle generazioni presenti e future, di recente […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.