“Putin non è lo zar”. Record di fermati tra Navalny & C.

Retate in tutto il paese - Alla vigilia dell’insediamento del presidente proteste in 90 città. Ancora un volta al fresco il capo dell’opposizione
“Putin non è lo zar”. Record di fermati tra Navalny & C.

Due minuti e nemmeno una parola. Ieri a piazza Puskin, alla protesta che il governo non aveva autorizzato, Aleksej Navalny è arrivato, ha fatto dieci passi tra la folla a bocca chiusa. Poi è stato subito sollevato braccia e gambe dalle divise, per sparire nel ventre di un blindato con i “cosmonauti”, come i moscoviti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.