Per il genocidio di Srebrenica paga anche l’Olanda

La Corte internazionale dell’Aia condanna (con attenuanti) contingente che non impedì l’uccisione di 300 uomini nel ‘95
Per il genocidio di Srebrenica paga anche l’Olanda

Portatori di pace, consiglieri di morte: la doppia faccia dei Caschi Blu olandesi. Ci sono voluti tre anni per confermare quanto stabilito dalla Corte dell’Aia sui crimini commessi a Srebrenica nella prima metà di luglio del 1995. Non mancano, tuttavia, i distinguo che fanno la differenza. La sentenza emessa ieri, in effetti, se da una […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.