Omissioni e giustizia lenta: il mullah torna libero

Accusato di far parte di una rete terroristica, Krekar era detenuto in Norvegia. Il gip revoca il mandato: ma Oslo lo ignora
Omissioni e giustizia lenta: il mullah torna libero

I tempi del processo di estradizione sono troppo lunghi, perfino per la giustizia italiana che di certo non si distingue per rapidità. Con questa motivazione, su richiesta della Procura, otto mesi fa il gip di Trento ha revocato l’ordinanza di misura cautelare anche nei confronti di Ahmad Nakmuddin Faraj, più conosciuto come il mullah Krekar, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.