Obama saluta da statista illuminato con i guai altrui

Barack, prima tappa in Europa. “L’austerità non porta prosperità”. Tanto i mutui da rinegoziare non sono americani
Obama saluta da statista illuminato con i guai altrui

Inizia in una fitta coltre di gas lacrimogeni il viaggio in Europa, l’ultimo da presidente in carica, di Barack Obama. Arrivato ieri mattina ad Atene ha trovato ad attenderlo una città semi deserta e militarizzata. Per garantire la sua sicurezza il governo greco ha schierato 4000 poliziotti a cui si sono aggiunti trecento agenti americani. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.