Non solo Burri: ‘furti’ a regola d’arte

Non solo Burri: ‘furti’ a regola d’arte

Il monumentale Alberto Burri che ha lasciato casa Crespi, e l’Italia, salutato da un’esplosione di servo encomio, è solo l’ultimo di una lunga serie di capolavori sottratti al “patrimonio storico e artistico della Nazione” (art. 9 Cost.). Una tappa simbolica di questo smontaggio risale al 1753, quando la Madonna Sistina di Raffaello, conservata dai monaci […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.