“Noi, bimbi di Mosul nell’orrore Isis senza perdere il sorriso”

Le storie - Il piccolo M.: “Mi hanno rapito, mi facevano vedere le foto delle torture fatte con fili roventi”. F.: “Mi hanno sparato al braccio”
“Noi, bimbi di Mosul nell’orrore Isis senza perdere il sorriso”

L’Iraq è un paese in cui la guerra la raccontano soprattutto i bambini. Una buona metà dei campi profughi è occupata proprio da minori a cui è stata strappata per sempre la normalità, per cui nella mia visita nei campi del Kurdistan iracheno mi sono imbattuta spesso nei loro incredibili racconti. Grazie ai miei accompagnatori […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.