“L’Italia si ricorda di noi solo se c’è il morto”

Parla Gennaro Cotugno - L’imprenditore doveva essere nel ristorante di Dacca la sera dell’assalto terrorista
“L’Italia si ricorda di noi solo se c’è il morto”

In Italia si vive bene, c’è sicurezza ma non si può lavorare perché le tasse sono troppo alte. In Bangladesh si pagano poche tasse, ma non c’è sicurezza. Dopo quello che è successo, però, non credo di tornarci. Chi me lo fa fare a vivere in posto così?”. Gennaro Cotugno, imprenditore pugliese scampato agli attentati […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.