L’assalto al “fiume secco” nuova frontiera dei disperati

Almeno tre morti - Tra i vecchi, le donne e i bambini che superavano le acque del ruscello ingrossato dalle piogge. Migliaia di rifugiati oltrepassano la barriera greca
L’assalto al “fiume secco” nuova frontiera dei disperati

La corrente del fiume è forte. Nella notte tra domenica e lunedì si è portata via la vita di 3 profughi afghani (una donna incinta di 27 anni, la sorella 17enne e un loro cugino, ndr). Erano un gruppo; quattro sono ora in ospedale. Altri sono forse tornati indietro al campo di Idomeni, forse sono […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.