L’Agenzia digitale è un colabrodo: non si sa dove sono 800 milioni

I documenti riservati rivelano il caos gestionale. Nessun documento su centinaia di progetti. Il dirigente: “Intervengano Anac e Corte dei conti”
L’Agenzia digitale è un colabrodo: non si sa dove sono 800 milioni

Ottocento milioni di euro assegnati per la digitalizzazione della Pubblica amministrazione ma impossibili da rendicontare. Nero su bianco, i conti non tornano: a dirlo è un monitoraggio interno all’Agid, l’Agenzia italiana per il digitale, che però non è stato pubblicato né è mai stato presentato. Il Fatto, che ne ha visionato il testo, ha provato […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.