La veglia in ospedale di una madre per il figlio che resisteva alla morte

Le sue lacrime fuori dalla stanza sono finite sul pavimento, formando addirittura una piccola pozzanghera
La veglia in ospedale di una madre per il  figlio che resisteva alla morte

Vi parlerò dell’acqua. Un pugno di gocce d’acqua entrate d’improvviso nella mia testa mentre camminavo con pudore tra le storie altrui. Quanti cucchiai o specchietti d’acqua incontriamo, in fondo, nella nostra vita? Un’infinità. Nei bicchieri di carta abbandonati in treno o su un tavolo. O mezzo metro sotto la sabbia, mentre aiutiamo un bimbo a […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.