La retromarcia del Kurdistan

Il governo della regione autonoma irachena torna sui suoi passi: lo “Stato” dei curdi, osteggiato anche dal vicino Iran, è durato un mese e mezzo
La retromarcia del Kurdistan

Piegato nella volontà anche dal sisma che ha finora provocato oltre 500 morti e migliaia di feriti e sfollati, il Kurdistan iracheno ha infine alzato bandiera bianca e annunciato di accettare la sentenza della Corte suprema di Baghdad del 6 novembre che vieta la secessione di qualsiasi provincia dell’Iraq. “Crediamo che questa decisione debba diventare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.