La linea sottile che lega il soldato allo scrittore

Harry Parker ha perso le gambe in Afghanistan. Ora fa raccontare la sua storia alla mina e alla sega per ossa
La linea sottile che lega il soldato allo scrittore

“No, non sono arrabbiato. Ho passato momenti molto difficili ma quando sono partito per il fronte afghano ero consapevole che forse sarei stato ferito, mutilato o peggio ancora”. Harry Parker, classe ’83, è figlio di un generale inglese, ha prestato servizio col grado di capitano nel 2007 in Iraq e nel 2009 in Afghanistan, finché […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.