La buona scuola ad Amatrice. “Noi, trasferiti qui per forza”

Prima campanella per studenti e professori ai tempi della riforma Giannini
La buona scuola ad Amatrice. “Noi, trasferiti qui per forza”

Hanno atteso un quarto d’ora. Ordinati, in fila, quasi sull’attenti. Poi, alle dieci, il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, è arrivata. Ha tagliato il nastro, scandito alle telecamere frasi varie sul “miracolo” della scuola riaperta in poche settimane, sul suo esserne “commossa” e ha ripreso la strada da dove era arrivata insieme al commissario Vasco Errani, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.