In Turchia tra i bambini siriani che fabbricano vestiti per noi

Gaziantep - Da 8 a 13 anni, guadagnano un euro e mezzo al giorno Il primo importatore è l’Ue che paga Istanbul per fermare i profughi
In Turchia tra i bambini siriani che fabbricano vestiti per noi

Mahoumud lavora dodici ore al giorno, è un sarto di precisione, velocissimo. Azzam, invece, sta ancora imparando, come Saisha. Fayath è il sarto più grande e più esperto. Pensate… sono tutti bimbi operai. Profughi, siriani, sopravvissuti alla guerra, schiavi in Turchia. Aisha, Moahamed, Alì, Adila, Afaf, Amina, Abbas, Fateen: hanno tra gli otto e i […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.