Il georgiano che accusa il presidente per Kiev è un “agente” del Cremlino

Saakashvili in manette, i suoi lo liberano
Il georgiano che accusa il presidente  per Kiev è un “agente” del Cremlino

Sotto il nuvoloso cielo di Kiev un uomo sul tetto minaccia di lanciarsi nel vuoto e urla: “Poroshenko è a capo di una banda del crimine organizzato”. Gli uomini dei servizi segreti ucraini hanno appena sfondato la porta del suo appartamento a cinque piani a via Kostelnaya in cerca di prove. Presidente della Georgia, governatore […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.