Il “conclave” della May, 12 ore per una Brexit soft

Tregua tra premier e ministri ribelli. Ma ora la Ue ha in mano il destino di Theresa
Il “conclave” della May, 12 ore per una Brexit soft

A Chequers sembra aver vinto lei, Theresa May, che per una volta ha abbandonato le esitazioni e chiarito ai 22 ministri e 5 sottosegretari convenuti nella residenza di campagna del primo ministro che non avrebbe fatto prigionieri e i ribelli potevano accomodarsi alla porta. Ha funzionato: malgrado le minacce a mezzo stampa, non si è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.